ARTE MIGRANTE: UNA RIVOLUZIONE IN CORSO

Come ogni settimana andiamo per la città alla raccolta di storie di giovani che stanno facendo la differenza con il loro impegno quotidiano. E' così che abbiamo incontrato Angela e Tommaso i quali, durante una piacevole chiacchierata, ci hanno parlato di Arte Migrante avvicinandoci maggiormente alla filosofia che sorregge questo rivoluzionario e semplice progetto.

"Arte Migrante Trento" è formato da un gruppo di ragazzi che agli inizi del settembre 2017, ispirandosi all'esempio di Bologna, hanno unito le proprie energie organizzando serate aperte a tutti con l'intento di creare inclusione attraverso l'arte, di qualunque tipo essa sia. Ad esse partecipano studenti, migranti, senza fissa dimora, lavoratori, disoccupati, giovani ed anziani : tutti accomunati dal desiderio di condivisione, sia essa una canzone, una poesia, un gioco, una riflessione su fatti di attualità o un semplice sorriso! E' incredibile come dall'idea nata dentro le mura di un dormitorio bolognese, al fine di animare una serata, si sia giunti ad un'ampia diffusione del progetto non solo a livello nazionale, ma pure internazionale e in poco meno di 5 anni.                                                                                                                                                                                             

Si tratta di una piccola rivoluzione in quanto al messaggio trasmesso, alle tecniche organizzative ed ai metodi di divulgazione delle informazioni; poche sono le regole che vigono durante la serata così come pochi sono anche i passi da compiere per organizzare la stessa.

Un progetto innovativo e controtendenza rispetto alla società odierna anche per il 'passaparola' , strumento usato per informare dei luoghi dove si incontrano di volta in volta, pur avendo una pagina Facebook. Insomma, per fare Arte Migrante bastano le persone, qualche strumento, oggetti da donare all' "Angolo dello scambio" e decidere la via o parco dove incontrarsi. Facile no?              

Ma capiamone meglio ascoltando direttamente le voci di Angela e Tommaso.

Per ultimo, qui sotto è ripreso integralmente il testo del Manifesto di "Arte Migrante", altro esempio di come questo progetto sia una rivoluzione anche in termini di principi e valori perseguiti.

 

IL MANIFESTO
Siamo donne e uomini che hanno speranza.

Crediamo nella condivisione come strumento per il riscatto sociale,

nel rapporto umano come strumento di pace.
 

L’accoglienza e l’ascolto reciproco sono la guida del nostro agire,

perché solo attraverso l’incontro con l’altro possiamo comprendere noi stessi e costruire il futuro.
 

Siamo convinti che la discriminazione, il potere, il denaro

non possano essere i valori guida del nostro mondo.

Ripudiamo ogni forma di violenza, compresa l’indifferenza

e riteniamo che il confronto sia un vero strumento di pace.
 

Costituiamo una comunità che vuole essere esempio

 


e punto di partenza per un nuovo stile di vita.
 

Valorizziamo le diversità di qualsiasi genere,

per l’uomo fonti di energia inesauribili e sempre rinnovabili.
 

Doniamo ciò che abbiamo in abbondanza:

sorrisi, abbracci, esperienze di vita.
 

L’arte è il cuore pulsante del nostro stare insieme,

il nostro manifesto, il nostro grido alla vita!

 

 

Intervista ed articolo: Hajar Boudraa

Video e montaggio: Aaron Giordani

Partner

Arte Migrante
Info

 http://bit.ly/2C7AvrZ pagina Facebook

 http://bit.ly/2Gw1zzd Website


Ambiti chiacchiere-e-musica