Giovedì, 28 febbraio 2019

Trento, ufficio Politiche Giovanili

 

Durante la mattinata del 25 febbraio 2019 si è tenuto nell’ufficio delle Politiche Giovanili del Comune di Trento un corso riguardo le forme del linguaggio contemporaneo.


Tra i materiali digitali che accompagnavano l’esposizione, una formatrice ha proposto il video della conferenza dal titolo “Connected but alone” tenuta da Sherry Turkle, sociologa, psicologa e tecnologa statunitense, davanti alle telecamere del TED, che osserva come i nostri dispositivi elettronici e i nostri profili online stiano ridefinendo le connessioni umane e la comunicazione, chiedendo di riflettere approfonditamente sui nuovi tipi di contatti che vorremmo avere. Le frasi che meglio riassumono il suo discorso e che più ci hanno colpite e fatto riflettere sono: "people try to solve the problem of lonely with connection", "I want to have more feelings, i need to send a message", "we expect more from technology and less from each other" terminando con la frase "I share therefore I am", che esprime la sua preoccupazione riguardo la necessità di essere sempre connessi.
Quest'ultima affermazione rappresenta il centro del discorso, che vuole stimolare i partecipanti e far capire loro perché e soprattutto come vogliono comunicare a chi vuole  usufruire delle opportunità proposte da Trentogiovani.it, e quindi cosa possono offrire loro di specifico rispetto agli altri info points, sottolineando l'importanza della value proposition e valorizzando l'unicità delle informazioni fornite dall'ufficio delle politiche giovanili.


Da questo punto sono nate moltissime riflessioni interessanti da parte dei presenti, che hanno espresso gli aspetti positivi del loro lavoro e del luogo in cui lo svolgono; gli obiettivi sono quelli di creare relazioni di fiducia, dare supporto alle necessità, mostrare che i dipendenti sono persone interessate ai  giovani e ai ragazzi e disposte a dare un appoggio fisico e reale, non solo virtuale, oltre ad essere un punto di riferimento per capire ciò che è veramente di qualità e di interesse nella città di Trento. Per realizzare tutto ciò è importante pensare e costruire una strategia di comunicazione e un sito web con un’età, carattere, stile, aspetto e personalità, che sia in grado di creare dei contenuti che rispecchino i valori di fiducia, verità, trasparenza, condivisione ed espressione e che sia sempre al passo con l’evoluzione.

 

La parte del corso che ci ha senza dubbio colpite di più e che abbiamo subito provato a mettere in pratica è stata quella riguardo il corredare un testo con determinate caratteristiche che lo rendano avvincente. La prima caratteristica che abbiamo affrontato è stata quella che riguarda la personalità di un testo, assieme all’originalità: infatti un testo deve essere innovativo ed unico nel suo genere, sorprendente, incisivo, deve saper riportare le sue informazioni senza perdersi in giri di parole. Ma soprattutto deve essere simpatico, per rimanere impresso nelle menti delle persone. Qui la formatrice  ha riportato l’esempio di “Tasso Funeral Service”, un’agenzia funebre con un’innovativa e quasi macabra strategia di marketing, i cui profili social sono tappezzati di freddure sulla morte.


Poi si è parlato degli strumenti mediante i quali è lecito far conoscere la propria azione, e tra chi diceva che i siti web sono la migliore opzione e chi prediligeva i blog o i social, tutti erano d’accordo nel dire che il web è la miglior rete utilizzabile a questo fine. Tuttavia, rimane importante sottolineare il fatto che anche in rete deve essere ben espressa la personalità di un’azienda, paragonabile in tutto e per tutto a quella di un individuo in carne ed ossa: ha infatti un’età, un carattere, un aspetto e un proprio stile.
In seguito, l’esperta ha mostrato le varie percentuali di utilizzo di internet secondo un sondaggio molto dettagliato condotto da We Are Social assieme a Hootsuite agli inizi del 2019, dal quale emerge che, per esempio, il 98% degli intervistati ha usato un qualsiasi social network nell’ultimo mese e che in media passano 1 ora e 51 minuti sui social (e più di 6 ore su internet in generale) e che ogni persona ha in media 7,4 accounts.


Un tema decisamente attuale, che porta alla riflessione profonda dell’uso che effettivamente facciamo dei social media e network rispetto ai vantaggi che potremmo trarne se li utilizzassimo in modo proficuo e fruttuoso.
Soprattutto per quanto riguarda il linguaggio da impiegare nella creazione di contenuti digitali, che dev’essere personale, originale, sorprendente, incisivo e simpatico, che si faccia notare e lasci il segno, requisiti che abbiamo soddisfatto nella creazione di un volantino illustrativo degli eventi più interessanti e coinvolgenti della settimana destinati a noi giovani, che poi abbiamo distribuito a

scuola.

 

Anna Ingrassia e Francesca Tonolli
studentesse in ASL del Liceo Classico “G. Prati”

 

Partner

Politiche Giovanili
Info
TRENTO GIOVANI
Servizio Cultura, Turismo e Politiche giovanili - Comune di Trento
Via Rodolfo Belenzani, 13 - 38122 Trento
0461 884240
www.trentogiovani.it
Codice fiscale e partita IVA 00355870221
 

Ambiti scuola
formazione
tirocinio-e-lavoro